Saturday, April 30, 2011

Saturday, April 23, 2011

Saturday, April 16, 2011

LOOKING FOR WONDERLAND


DESIGN WEEK FAST ZIZ ZAG

Plants explode in the warmth of sudden Spring, sneaked off for this thursday of Salone del Mobile. We immerse ourselves in Design Milan, where, far from the exhibition itself, new life styles cross every day life. The City is a big treasure hunt of total life experience flashes and alternative worlds, created by objects and their staging. Brera, Montenapoleone and Durini Street refer to art galleries or welcome visitors in warm and cosy places, full of samples or basic as white cubes. Tortona and Navigli -wonderful locations with too night life bad breath, populated by North Europe herons with camera- propose minimal lines, brand new vintage, pop&kitsch, or really magic moments between Ballard and the Momix. Basketball cradles, domestic stabilized lichens (but a common plant is more rewarding), also in take-away cream-puff version, odalisque androids moving through the crowd, suspended red wax stalactites (sink tripods in underground cauldron and find your candle-maker nature!), sound forests and optical fiber lianas. Parkings, garages, labs, workshops come to life in a real interesting way, manufacture references are pleasant, while we notice short-circuits with contemporary art. Same mood on small scale at Fabbrica del Vapore, which focuses on sustainability and sensitivity, Nature and Man. Design, maybe for its not-always-respected relationship with function and living ways seems to have found new energies in callings for new green economy. Lamp prototypes twisting like snakes, lawn mower similar to go kart, flames in glass boxes. And these ones are just few ideas picked up in a quick zig zag. Halfway through 2000, however, the focus returned to the exhibits thanks to the definition of a new category: "Installation Art". |...| It refers to the manipulation of artworks involved in the contemporary process of exhibition design. |...| Constructing Installation Art involves creating a reality that is an alternative to the real world (Italo Rota, Installation Ehxibit, 2009). According to Italo Rota's analysis, the creator of both Design Museum and Museo del '900, the contemporary in every aspect is characterized by visionary ability and interactive narration. This feature in our liquid society, excess society, consumer society, entertainment society, extendes to every product, both cultural and industrial. Applied Arts, at least in Milan, seem to outperform the major arts, jet surpassed by Fashion with its sculptors and painters of abstract bodies.

LOOKING FOR WONDERLAND

ZIG ZAG VELOCE FRA I FUORISALONE

Esplodono le piante nel calore di un'improvvisa primavera, un po' in sordina per questo giovedì del Salone del Mobile. Ci si immerge nella Milano del design, dove, lontano dalla Fiera vera e propria, nuovi stili di vita si incrociano e intessono con la realtà quotidiana. La città si apre ad una caccia al tesoro di barlumi di esperienze di vita totali, di mondi alternativi creati attraverso gli oggetti e la loro messa in scena. Brera, Montenapoleone e Via Durini si richiamano alle gallerie d'arte o accolgono i visitatori in ambienti caldi e avvolgenti, colmi di campioni di lavorazione o basici come white cube. Zona Tortona e i Navigli -splendide location con l'alito di troppe movide, popolate da trampolieri nordici armati di macchina fotografica- ripropongono linee minimali, vintage nuovo di zecca, pop&kitsch o creano momenti di vera magia fra Ballard e i Momix. Culle in palloni da basket, licheni domestici stabilizzati (ma una comune piantina dà più gratificazioni), anche nella versione bigné da asporto, odalische robot che si aggirano fra la folla, sospensioni di stalattiti di cera rossa (calate tripodi nel calderone sotto il pavimento ligneo e scopritevi apprendisti candelai!), foreste di suoni e liane di fibre ottiche. Interessante già di per sé l'animarsi dei parcheggi, delle rimesse, dei laboratori e delle officine, accattivante il richiamo alla manualità, mentre si notano cortocircuiti con l'arte contemporanea. Stessa atmosfera, in piccolo, si respira alla Fabbrica del Vapore, che decide di concentrarsi sulla sostenibilità e sulla sensibilità, sulla Natura e sull'uomo. Il design, forse per il suo rapporto -non sempre rispettato- con la funzionalità e le modalità abitative sembra aver trovato nuove energie nei continui appelli ad una economia verde. Prototipi di lampade che si attorcigliano come serpenti, tosaerba simili a go kart, fiamme in teche di vetro. E questi sono solo pochi assaggi catturati in un veloce zigzagare. Nel corso del 2000 |...| è stato richiamato il lavoro sugli oggetti esposti, grazie alla definizione di una nuova categoria: Installation Art. L'Installation Art |...| descrive esattamente l'operazione di manipolazione delle opere d'arte che avviene oggi |...|.|...| la costruzione di una installazione artistica è l'ideazione di una realtà alternativa al mondo attuale. Lo spettatore può sperimentare uno spazio potenziale, un esempio di come la realtà potrebbe essere deformata". (Italo Rota, Installation Ehxibit, 2009). Secondo l'analisi di Italo Rota, creatore sia del Museo del Design che del Museo del'900, il contemporaneo nei suoi vari aspetti si contraddistingue per la visionarietà, per la capacità di narrare storie il più possibile interattive. E' una caratteristica che si estende ad ogni forma di prodotto, culturale, industriale o commerciale che sia della nostra società liquida dell'immagine e dell'eccesso, dello spettacolo e dei consumi. Le arti applicate, almeno a Milano, sembrano sorpassare nettamente le arti maggiori, che già hanno ceduto il passo alla moda con i suoi scultori e pittori di corpi astratti.

Wednesday, April 13, 2011

I'LL BE YOU MIRROR


ABOUT CATTELAN'S WITHDRAWAL


Cattelan retires. Officially, for fear of repeating himself, for hate for his production, to dissociate himself from market, from polemics, to settle his Art system role, in the name of his own independence. He will devote himself just to the photo magazine Toilet Paper. Advertising Trick? Provocation? And if he really disappeared from limelight? Polemic may be an ingredient, but not even the essential one. The installation with the kids hung to an oak, at XXIV maggio Square in Milan, in 2004, was an awful work considering manufacture, nevertheless it made us discover the square power. The middle finger is a position, not a provocation. (Maurizio Cattelan, interview for La Repubblica translated by me, 1st April 2011, strange date). Cattelan's problem doesn't lie in his production or in his character: it lies in social factors. He is a catalyst, like Damien Hirst. Like Berlusconi for politic, Kate Moss for fashion, Lady Gaga for music. Our position about a specifical sector always ends up coagulating on one of these entities, two-dimensional beings from photos, TV screens, written pages. There isn't a real analysis, but just a stand for or against a person, whose magnetism mainly consists in his/her apparent being-always-the-same capability, ability generally precluded to flesh and bones human beings. They are esthetic community idols, idols of a society connected by experience and opinion sharing. With Cattelan we side, and, mainly, around Cattelan we take part in something. He is an archetype, a shape without content spontaneously generated by the collection of people then called to express themself about his figure. There are all of us covering this icon with our transfigurations, our representations, our emotions, our frustrations, our dissatisfactions. He is simply everything and nothing, and we could endlessly talk about him. Cattelan is a model, a reference, an authority, someone onto whom we can off load our responsibilities, someone reassuring us in accordance with an easy Manichaeism. The problem isn't one of this magnets disappearance, the problem are us and our analyzing, building, narrating, imaginative capability. Criticism lies in the contact with reality, in experimentation, in research, in work in progress, not in cut and thrust, not in a mirror with always the same wanted reflected image. We could say we know ourselves -as artists, citizens, women, music public, etcetera- just in connection with some figures in our speeches. Every period, every field has got its own Pole Star, less or more bright. Without them we would feel lost, especially if our sailing competence depends on recognition. Every time, every sector, has got its own Pillar of Hercules, and we have to look farther, because every reality, every situation, is just temporarily true.
 
I'LL BE YOUR MIRROR
SUL RITIRO DI CATTELAN

Cattelan si ritira. Ufficialmente per la paura di ripetersi, per prendere distanza dal mercato, dalle polemiche, per ridefinire il suo ruolo all'interno del sistema dell'arte in nome della propria indipendenza, per odio verso la sua produzione precedente. Si dedicherà solo alla rivista fotografica Toilet Paper. Una manovra pubblicitaria? Una provocazione? E se scomparisse davvero dalla ribalta? La polemica può essere un ingrediente, ma nemmeno quello essenziale. L'installazione dei bambini impiccati alla quercia, in piazza XXIV maggio a Milano nel 2004, era un lavoro pessimo dal punto di vista del manufatto, eppure ci fece scoprire la forza della piazza. Il dito medio è una posizione, non una provocazione. (Maurizio Cattelan, intervista a La Repubblica, 1 Aprile 2011, strana data). Il problema Cattelan non risiede né nella produzione, né nel personaggio, ma nel fattore sociale. Come Damien Hirst, è un catalizzatore. Come Berlusconi per la politica, Kate Moss per la moda, Lady Gaga per la musica. La nostra posizione nei confronti di un settore specifico finisce sempre per coagularsi attorno ad una di queste entità, esseri bidimensionali delle fotografie, degli schermi televisivi, delle pagine scritte. Non c'è una vera e propria analisi, bensì uno schierarsi pro o contro una persona, il cui magnetismo consta per lo più nella sua capacità di rimanere apparentemente sempre identica a sé stessa, pur nel variare delle situazioni, abilità notoriamente preclusa ad ogni essere umano in carne ed ossa. Sono gli idoli di una comunità estetica, di una società il cui collante è costituito per buona parte dalla condivisione di esperienze e giudizi legati al gusto. Per Cattelan si parteggia, ma, soprattutto, attorno a Cattelan si partecipa. E' un archetipo, una forma senza contenuto generata spontaneamente dal coacervo di persone che devono poi esprimersi sulla sua figura. Siamo noi ad ammantare questa icona delle nostre trasfigurazioni, rappresentazioni, emozioni, frustrazioni, insoddisfazioni. Egli è semplicemente tutto questo e niente di questo, e il discorso in merito può continuare all'infinito. Cattelan è un modello, un riferimento e un'autorità, qualcuno su cui scaricare i nostri sensi di colpa, qualcuno che in fin de conti ci rassicura entro gli schemi di un facile manicheismo. Il problema non è la scomparsa di uno di questi magneti, il problema siamo noi e la nostra capacità di analizzare, costruire, narrare e immaginare il mondo. Il pensiero critico sta nel toccare con mano, nella sperimentazione, nella ricerca, nella costruzione di un percorso non nei botta e risposta e nel continuo confronto con uno specchio dove vogliamo vedere solo un certo riflesso, certe angolazioni. In un certo senso sappiamo chi siamo -come artisti, cittadini, donne, pubblico musicale etc- in rapporto alla presenza di certe figure nei nostri discorsi. Ogni periodo, ogni campo, ha le sue stelle polari, più o meno luminose. Senza di esse vi è spaesamento, soprattutto se la nostra competenza nautica si affida al riconoscimento. Ogni epoca, ogni settore ha le sue Colonne d'Ercole oltre cui guardare, perché ogni realtà, ogni situazione, è solo provvisoriamente vera.

Monday, April 11, 2011

RECENSIONE SU ASSESEMPIONE.INFO

MOSTRE/ Numerouno en papier: una collettiva al Circoloquadro
Lunedì 11 Aprile 2011
Milano - Circoloquadro prosegue la stagione espositiva, con una seconda collettiva curata da Arianna Beretta, dal titolo "Numerouno en papier", invitando otto giovani artisti ad esprimere la loro creatività su un supporto classico quale la carta, con l'utilizzo di differenti e distinte tecniche.  Le acqueforti di Eduardo Ruiz Relero traducono l'impazienza di corpi in continua e tormentata ricerca di se stessi e dell'altro. Su alcuni frammenti di pagine di Life, Barbara Nahmad associa ritratti di personaggi noti, alla caducità del supporto, sarà la resistenza all'usura del supporto a determinare anche l'oblio dei personaggi ritratti. L'insieme di farfalle in volo creato da Giulia Berra disegnate con la biro su carta di riso giapponese, paiono prendere il volo grazie ai ricami che fuoriescono dalle ali. E' la xilografia la tecnica usata da Marina Scognamiglio, su fogli di quotidiani scorrono serialmente mini ombrelli multicolore, a dire come anche in un giorno grigio è possibile arrivare a dimensioni armoniche. Il tratto dettagliato di Ilaria Del Monte, non nega aperture a mondi onirici, dove i corpi lievitano come in un acquario e le foglie di una pianta fuggono attraverso una finestra trasformandosi in farfalle. Massimo Dalla Pola compie, su carta digitale scansioni dirette di sezioni di vegetali ottenendo risultati formali dai colori stemperati. Paiono rielaborazioni di frammenti cinematografici, le incisioni elaborate a olio e china di Quadreria Romantico Seriale con malinconici sfondi da ricerca del tempo perduto. In entrambe le opere di Riccardo Gusmaroli, a provocare le forme in rilievo, è un'azione che proviene dalla parte non visibile dei fogli, quale moto interiore verso l'esterno.

Mauro Bianchini

Numerouno en papier – Circoloquadro, Milano, Via Thaon di revel 21, fino al 31 maggio: Orario: da martedì a venerdì 15-19





MIART ART NOW?

fieramilanocity, 08/04/2011, 15.30 p.m.

Two plastic Space creatures welcome visitors on zebra crossing. This is one of those warm sunny days making architecture shining of next future perspectives. Covered all this event-devoted no-place gaps, lean public converges and scatters along the pseudo-aisles and nave. Less stands, less space, almost a hundred exhibitors, just one floor, everything seems to be compressed. A Milan cultural year resumé. Few young galleries, clotted on the right. We sway from wall to wall, among those in the know, art addicted and alternative fashionists, looking for unexpected revelation. Art fairs, like oozing centuries palaces, test works no longer protected by white room artificial paradises. Which one will talk to us among this multitude? Everywhere Lambrate coolness, while we notice artists already seen in Milan contemporary centers (mainly PAC and Pomodoro Foundation), with few interesting flashes. Hard times are these, so they have decided not to shock bourgeoises, but to arouse them in a reassuring way, with maternal echoes from Avant-gardes and, above all, Surrealism. A series of already-seen cool oddities, while sometimes you can smell a wet duster aroma (air conditioning device?). After the really attractive big cushions for relax, we go to historical artists' space, the one downstairs until last year: few news. Dadamaino. De Chirico. Bonalumi. Baj. Boetti. Fontana. Spoerri. Christo. Vasarely. Sam Francis. A lot of references to Museo del '900, a bit of International artists, but also here few works sold.
By the way, few videos (just omnipresent Tony Oursler, guaranteed by his exibition at PAC), few installations, few sculptures, a lot of photos, collages, prints, drawings and paintings, helped by little dimensions. No more mementa mori, if not made by famous artists, whispered sexual and religious provocations, domesticated grimace, less play, they keep a low profile, with medium tones, few colors or vivid colors, "always making you happy", figures and intimate mood. A lot of threat, space bonds, just the art lent tights stylist Cavallini's labyrinths are missing. Primo Marella dares a bit, with his Chinese artists, while Italian love of foreign things, little balanced with clumsy Italian flag echoes, doesn't seem to have attracted foreigner stands.
MiArt, Art now? No, we hope!

 
MIART ART NOW?

fieramilanocity, 08/04/2011, 15.30 p.m.

Due esseri in plastica dallo spazio profondo accolgono i visitatori sulle strisce pedonali. E' una di quelle calde giornate di sole che fanno risplendere le architetture delle prospettive di un futuro prossimo. Percorsi i vari dislivelli di questo nonluogo consacrato all'evento, lo scarso pubblico converge e si disperde fra le navate posticce. Meno stand, meno spazio, un centinaio di espositori, un unico piano, tutto sembra compresso. Un Bignami dell'anno culturale meneghino. Poche le gallerie giovani, raggrumate nella corsia di destra. Si ondeggia di parete in parete fra addetti ai lavori, art addicted e fashionisti alternativi, sperando in qualche rivelazione improvvisa. Le fiere, come i palazzi che trasudano secoli, mettono alla prova le opere, non più protette dai paradisi artificiali delle white room. Quale ci parlerà nel mucchio? Ovunque la coolness di zona Lambrate, mentre si occhieggiano autori già visti nei centri contemporanei cittadini (PAC e Fondazione Pomodoro su tutti), con vaghi sprazzi interessanti. Visti i tempi difficili, si è deciso di non scandalizzare il borghese, ma di titillare la sua curiosità, rassicurandolo, con materni richiami alle avanguardie, Surrealismo in testa. Una serie di bizzarie fighette al profumo di dejà vu, mentre saltuariamente aleggia un sentore di straccio bagnato (l'impianto di condizionamento?). Sorpassati i cuscinoni da stravacco, la vera attrazione, ci si sposta nell'area -fu "piano di sotto"- delle gallerie storiche e degli artisti storicizzati, ma anche qui poche novità. Dadamaino. De Chirico. Bonalumi. Baj. Boetti. Fontana. Spoerri. Christo. Vasarely. Sam Francis. Innumerevoli riferimenti al Museo del '900, un pizzico di internazionalità, ma la caccia al bollino rosso sembra dare pochi frutti.
Nel complesso, rari video e videoproiezioni (a parte l'onnipresente Tony Oursler, garantito dal PAC), sparute installazioni, modeste sculture, mentre fotografia, collage, grafica, disegno e pittura spadroneggiano, complice anche lo scarso ingombro. Accantonati i mementa mori non avallati dalla fama degli artisti, sussurrate le provocazioni sessuali e religiose, addomesticati gli sberleffi irriverenti, accennati i risvolti ludici, si propende per il basso profilo, i mezzi toni, le cromie ridotte o i cromatismi vivaci "che mettono sempre allegria", la figurazione e un certo intimismo. Molti fili, legami con lo spazio, mancano solo i labirinti di nylon di Cavallini, stilista di collant prestato all'arte, ospite della Triennale. Si osa un po' di più con gli artisti cinesi di Primo Marella, mentre l'esterofilia italiana, cui fanno da contrappunto goffi echi tricolori, non sembra aver complessivamente attirato stand stranieri.
MiArt, Art now? Speriamo di no!

Saturday, April 9, 2011

FRIEDENSREICH HUNDERTWASSER

KIDS, 12-17 APRILE 2011

Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, Milano
In occasione dell'edizione 2011 di Posti di Vista design sensibile, alla Fabbrica del Vapore, si svolge KIDS, un programma di laboratori per i bambini e le loro famiglie.La partecipazione alle attività è gratuita.

PROGRAMMA

da martedì 12 a domenica 17 aprile, dalle 10 alle 18

Studio Azzurro, La Pozzanghera - Micropaesaggio interattivo dedicato ai bambini
Una pozzanghera interattiva che reagisce, calpestandola, senza sporcare ma producendo suoni ed immagini che fanno vibrare di storie la sua superficie. Un minuscolo territorio instabile da praticare e da condividere con gli altri compagni o con persone più grandi.

da martedì 12 a domenica 17 aprile, dalle 10 alle 18

ONEOFF, HeArtIl laboratorio ONEOFF invita adulti e bambini a fare parte di un’installazione di artigianato digitale. Le immagini dei partecipanti verranno rielaborate e i profili intagliati permettendo di creare una comunità. Una comunità che respira design, tecnologia e vuole sperimentare… a Milano.

mercoledì 13 aprile, dalle 10 alle 13

Craoatian Designers Association e ReAktor, Guess design! Workshop divertente, educativo e interattivo sul riconoscimento e analisi degli oggetti di design.
mercoledì 13 aprile, dalle 17 alle 19
Craoatian Designers Association e ReAktor, Try Boja! Workshop per bambini: un approccio innovativo al disegno con le matite colorate Boja dal design ergonomico.

da martedì 12 a domenica 17 aprile, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18

Accademia del Gioco dimenticato, Baby Tri-Des'ArtLaboratorio creativo ludico di design sensibile: i bambini (insieme ai papà) realizzano oggetti fruibili come sgabelli e appendiabiti, con degli spicchi triangolari di legno, decorati con stoffe, colori e materiali di riciclo

LA FONDAZIONE MUDIMA INCONTRA BALLARD

Sabato 9 aprile e Domenica 10 aprile la Fondazione Mudima ospiterà una serie di eventi organizzati in occasione del secondo anniversario della morte di J. G. Ballard ed in particolare uno spettacolo teatrale organizzato dalla compagnia teatrale PhoebeZeit Geist dal titolo “Note per un collasso mentale”, una partitura per voci, corpi, chitarra, live eletronics e altro, liberamente ispirata all'opera di James G. Ballard con replica la domenica e un incontro dal titolo “Collisioni : Ballard e le arti visive”, relatori Antonio Caronia e Francesca Marianna Consonni 




Sabato 9 aprile
ore 21.30 Note per un collasso mentale/PhoebeZeitGeistTeatro (ingresso libero)

Domenica 10 aprile
ore 17.30 incontro ““Collisioni : Ballard e le arti visive”, relatori Antonio Caronia e Francesca Marianna Consonni
ore 21.30 Note per un collasso mentale/PhoebeZeitGeistTeatro (ingresso libero)

12-13 GIUGNO 2011

REFERENDUM SUL NUCLEARE E SULLA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA

ASTENERSI DALL'ASTENSIONE!


Per informazioni sulla poco dibattuta questione della privatizzazione dell'acqua potabile:

http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/
http://www.contrattoacqua.it/public/journal/
http://www.referendumacqua.it/

Friday, April 1, 2011

NUMEROUNO, EN PAPIER | CIRCOLOQUADRO | 31 MARCH 2011


NUMEROUNO, EN PAPIER
Giulia Berra, Massimo Dalla Pola, Ilaria Del Monte, Riccardo Gusmaroli, Barbara Nahmad, Quadreria Romantico Seriale, Eduardo Ruiz Relero, Marina Scognamiglio


La carta diventa opera d'arte - Milano - Repubblica.it


































Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...