Friday, February 27, 2015

The natural circle


Goodesign l’evento dedicato all’ecodesign e all’abitare sostenibile torna dal 14 aprile al 3 maggio con la sesta edizione negli spazi di Cascina Cuccagna a Milano, durante il Salone internazionale del Mobile e fino alle soglie di Expo 2015.

Goodesign – The natural circle si articola nel dialogo tra natura e tecnologia, con una visione poetica e creativa. La mostra mette in luce buoni esempi per raccontare come il design abbia un ruolo determinante per diffondere modelli e comportamenti positivi: riqualificare in modo eco-compatibile i processi industriali con tecnologie a basso impatto ambientale, introdurre cicli di vita dei prodotti senza generare rifiuti, impiegare materiali e componenti riciclabili, produrre oggetti disassemblabili e durevoli, gestire il riuso.
L’opera di sensibilizzazione, la volontà di riavvicinarsi alla natura e alla sua bellezza, l’attenzione all’impatto ambientale si snodano attraverso un linguaggio emozionale e uno sguardo lucido e partecipe.

L’evento è ideato e organizzato da Best Up e Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna e curato da Officina Temporanea.

IN MOSTRA
Goodesign – The natural circle propone una rassegna d’imprese, designer, associazioni, enti e scuole in un affascinante percorso emozionale, dove il visitatore è portato a riflettere sulla diffusione di modelli di benessere fondati sul rispetto per le persone e per l’ambiente.

La selezione di progetti e di presenze poetiche che si ispirano al mondo della natura suggerisce inoltre una visione più moderna della sostenibilità fatta anche di un segno grafico leggero che ne racconta l’armonia e il nuovo. E lo fa con quieto rispetto, silenzio, leggerezza, in una totale coerenza e armonia tra i contenuti e il messaggio forte di Goodesign – The natural circle.
Un’area collettiva con designer e artisti internazionali mette in mostra a sorpresa mobili, lampade e oggetti dall’approccio sensibile, animati dagli interventi poetici di Giulia Berra, Sabrina Belfiore Lucovich con Vagabondablu e Maura Tacchinardi, dalle proiezioni di Stefano Tagliafierro e dall’installazione sonora di Roberto Pugliese.

Nelle giornate dell’evento che si snodano tra il Salone del Mobile e l’inizio di Expo, si svolgeranno azioni performative curate da Officina Temporanea negli spazi di Cascina Cuccagna.
DOVE 

Goodesign – The natural circle si svolge presso la Cascina Cuccagna, a Milano in via Cuccagna 2, angolo Muratori.
QUANDO 

Goodesign – The natural circle si svolgerà dal 14 aprile al 3 maggio 2015 
Durante la design week e i primi di maggio lunedi-venerdi dalle 11 alle 20, sabato e domenica dalle 11 alle 22.Dal 20 al 30 aprile, dalle 14 alle 20.

Opening: 13 aprile, dalle 19 alle 21

Incontro-conferenza “Design, economia circolare e innovazione sostenibile”, con esperti e designer internazionali: 19 aprile alle 17.
Festa del design: 19 aprile dalle 19 alle 21 nel giardino di Cascina Cuccagna, in link con le iniziative di Elita prima e Frigoriferi Milanesi poi.

19 aprile: Conferenza “Design, economia circolare e innovazione sostenibile” a cura di Goodesign. Partecipano: Margo Curto del Consolato olandese, Ed van Hinte coautore del libro “Products that Last” e chairman di Lightness Studios, designer selezionati dall’Het Nieuwe Instituut-Materiaalfonds, mo-dera: Frida Doveil, progettista e autrice di analisi su riparabilità e durata come nuove frontiere della qualità del design (partner dello studio di corporate identity e design FRAGILE). L’incontro farà il punto su innovazione, sostenibilità e soluzioni avanzate per la progettazione industriale, considerando la nuova direttiva adottata dalla Commissione UE per un modello di economia circolare.

Con il patrocinio di Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano, Ministero dell’Ambiente.

Thursday, February 19, 2015

Il mio bioma

Città Bioma 
23 febbraio 2015 | 18/21 | talks alle 19,30
con le artiste Giulia Berra e Maura Tacchinardi, la filosofa Andrée Bella e chiunque vorrà partecipare ;-)

Progetto sviluppato, curato e coltivato da Lunedì Sostenibili e Vegapunk

c/o Vegapunk,
via Palazzi 9 MM Porta Venezia
Milano

Per Lunedì Sostenibili e Vegapunk,  sviluppo un dialogo sulle relazioni  fra Uomo e Natura e la sostenibilità urbana attraverso la definizione della città come immaginario, progetto e spazio collettivo, a partire da elementi naturali solitamente trascurati. Al centro della serata di lunedì 23 c'è dunque il confronto diretto e informale con i partecipanti, per costruire  narrazioni attorno al contesto cittadino come ecosistema e habitat. 

Gli "amabili resti" che costituiscono le mie opere, fragili scarti biologici raccolti con pazienza, invitano a percorrere la stanza con attenzione e rispetto. Grazie alla vicinanza imposta dalle piccole dimensioni i dettagli diventano complessi come paesaggi. Una composizione di ricami a parete e una piccola scultura parlano  della vita sociale e del ruolo di Urbanistica e Architettura, di sostenibilità dei centri abitati, del territorio naturale e antropizzato...Le riflessioni sui paesaggi collettivi si allacciano a quelle sulla dimensione individuale, con un cofanetto che raccoglie resti di muta di cicala, ibridando uomo, animale e alludendo a cambiamenti e processi psicofisici.

La mia ricerca si basa sulla raccolta di elementi residuali, abbandonati a terra, di conseguenza  devo leggere il territorio qualunque esso sia. Sono condizionata dalla reperibilità naturale dei materiali, ben diversa dall'abbondanza e disponibilità cui siamo abituati. Non ci sono rifiuti o scarti, perché tutto ha senso. L'approccio tattile riguarda anche le opere: vanno osservate da vicino, senza toccare, per coglierne da vicino i dettagli, che rimangono a "dimensione naturale". La poesia di queste piccole cose fragili risiede proprio nella loro irriducibile specificità e dignità, coniugata a uno sguardo orizzontale, non gerarchico, sui rapporti fra Uomo e Natura. 

Una volta introdotta la mia ricerca, chiunque può prendere la parola e portare la sua visione e la sua esperienza. Bhé, che dire ancora? Un grosso grazie a Emina Cevro Vukovic, Nora Bertolotti e Simona Da Pozzo che hanno coltivato questa serata! Vi aspetto lunedì da Vegapunk! 

Info:

http://www.lunedisostenibili.org.

http://vega-punk.blogspot.it/

Friday, February 13, 2015

La Città Bioma

Segnalo con estremo piacere questa riflessione collettiva sulla Città Bioma organizzata da 43° Lunedì Sostenibile e Vegapunk il 23 febbraio 2015, dalle 18 alle 21 (talks alle 19,30) presso Vegapunk in via Palazzi 9 a Milano (MM Porta Venezia), di seguito tutti i dettagli ;-)

Città Bioma con le artiste: Giulia Berra, Maura Tacchinardi e la filosofa: Andrée Bella e un piccolo aperitivo vegetariano.

Un bioma è un ambiente specifico che ospita una determinata comunità di organismi viventi, animali e piante, che interagiscono fra loro. Un bioma implica un sistema di relazioni che si condizionano reciprocamente. La città può essere interpretata come un bioma, in quanto ambiente unico e specifico, risultato delle connessioni tra elementi naturali (umani, animali, vegetali) e prodotti tecnologici (materiali e culturali).

Giulia Berra espone una selezione di opere che indagano le relazioni fra uomo e natura e la sostenibilità urbana attraverso la definizione della città come immaginario, disegno, spazio collettivo. L'artista utilizza fragili scarti biologici raccolti con pazienza per mesi, quali crisalidi, galle, piume ed exuvia (la cuticola abbandonata dagli insetti dopo la muta), per creare dettagli che a uno sguardo ravvicinato diventano paesaggi.

Maura Tacchinardi presenta Verde Pro-Capite, un'opera partecipata e in continua evoluzione a cura di HC Hors Commerce che ha coinvolto gli abitanti di un quartiere milanese e ha creato diversi livelli di relazione tra persone, luoghi e vegetazione. Il lungo e articolato progetto ha innescato un percorso di narrazione della zona attraverso l'utilizzo di linguaggi diversi: fotografia, disegno, lavoro a maglia, scrittura.


Andrèe Bella propone la filosofia e il contatto con la natura come cura di sé. Nel suo libro Socrate in Giardino sceglie come teatro esemplare dell'esercizio filosofico il Parco Nord e alcuni viali alberati milanesi. Ogni passeggiata, ogni metafora offerta dalla natura diventa uno specifico esercizio filosofico capace di aumentare la consapevolezza, la resilienza e la felicità


Giulia Berra (Cremona, 1985) artista visiva, espone in spazi pubblici e privati, gallerie e associazioni e collabora a progetti multidisciplinari. Il suo immaginario, focalizzato sul tema della muta e della spoglia (exuvia) quale metafora del cambiamento psicofisico, sui processi e le interazioni, trae spunto dal mondo naturale per parlare dell'Uomo e della società contemporanea. http://giuliaberra.blogspot.it/

Maura Tacchinardi, artista visiva, ricerca una dimensione in cui la pratica artistica diventa possibilità d'incontro e scoperta dell'altro attraverso una processualità realmente condivisa. Nel 2009 fonda con Elena Mocchetti l'associazione Culturale HC Hors Commerce per condividere e sviluppare progetti di arte pubblica in grado di provocare spostamenti di pensiero e riflessioni sulla realtà Http://hc-horscommerce.blogspot.it

Andrèe Bella è filosofa e psicologa, collabora con la cattedra di Filosofia morale e Pratiche Filosofiche dell'Università Milano-Bicocca e con quella di Psicologia Dinamica presso l'università di Bergamo. Uno dei suoi temi di ricerca e sperimentazione è quello del rapporto psiche-universo naturale, che ha approfondito intrecciando la filosofia antica, il mito e la psicoanalisi. E' membro dell'associazione Eupsichia. http://www.eupsichia.it/.

Lunedì Sostenibili sono un lunedì sera al mese dedicato al verde e alla socialità un luogo e un momento dove associazioni e persone che si occupano di verde urbano sostenibile o che vorrebbero occuparsene possono conoscersi, auto-presentarsi, illustrare i propri progetti, cercare eventuali sinergie e, tra amici, bere un buon drink o una tisana. http://www.lunedisostenibili.org. Chi vuole presentare gratuitamente i propri progetti sul verde urbano ai prossimi Lunedì Sostenibili per favore scriva a: info@lunedisostenibili.org

Vegapunk è nato come studio dell' artista visiva Simona Da Pozzo e ad oggi è vissuto quotidianamente come spazio di lavoro anche da professionisti e progettisti culturali quali Ex-voto e Blanka. Dal 2013 Simona Da Pozzo porta avanti e cura “Artist Hosting Artists”: un progetto incominciato in modo estemporaneo, quasi come un report al ritorno dalle diverse residenze artistiche, che nel tempo si è trasformato in una serie di appuntamenti con cui l'artista accoglie progetti e opere di altri artisti e autori. http://vega-punk.blogspot.it/

VIVIMILANO: Vado a vivere in città

Vado a vivere in città. Un libro e una mostra

di Rosella Ghezzi - Ultimo aggiornamento: 09/02/2015

Presentazione del libro di Francesco Tomasinelli “ Vado a vivere in città” (Ed. Il Piviere) che descrive anche con fotografie la presenza degli animali selvatici nel territorio urbano, migrati dall’ambiente naturale perché mossi dalla necessità di sopravvivenza. Insieme, la mostra collettiva presenta opere di diversi autori che interpretano soggetti ispirati alla natura: dipinti e disegni di Irene Balia, Giulia Berra, Stefano Cerioli, Vanni Cuoghi, Massimo Dalla Pola, Menashe Kadishman e Vania Elettra Tam.
La mostra è aperta fino al 25 febbraio  con i seguenti orari: da martedì a venerdì dalle 15:00 alle 19:00. Chiuso sabato, domenica e lunedì.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...